Skip to content

LA TOURRETTE e i DISTURBI OSSESSIVO COMPULSIVI

SINDROME DI TOURRETTE

La Sindrome di Tourette è un disturbo neurologico che identifica un quadro comportamentale caratterizzato da tic motori e vocali di durata e frequenza variabili, che si verificano da più di 1 anno ,iniziano a comparire prima dei 18 anni e non sono causati dall’uso di una sostanza o da altre condizioni mediche. La gravità dei sintomi varia molto tra i soggetti e le meno importanti possono anche passare inosservate. Man mano che i pazienti invecchiano, possono notare che i loro tic si presentano meno spesso. La Sindrome appartiene al gruppo dei Disturbi da tic, condizioni neurologiche ad esordio infantile, insieme al Disturbo Persistente da tic Motorio o Vocale e al Disturbo Provvisorio da Tic che si distinguono in base ai tipi di tic presenti ( motori, vocali/fonici o entrambi ) e alla durata della loro presenza .Sebbene la sindrome sia la più grave espressione dei vari disordini correlati ai tic, la maggior parte dei casi appare di lieve entità..La gravità dei sintomi varia molto tra i soggetti e le meno importanti possono anche passare inosservate.
I tic motori sono rappresentati da movimenti improvvisi, ripetitivi e non ritmici e possono essere semplici: smorfie, torsioni facciali , saltelli ,contorsioni, toccamenti o annusamenti oppure complessi e autolesionistici: mordersi le labbra, colpirsi, colpire il proprio viso, pizzicarsi la pelle, sbattere la testa e tagliarsi, fino ad epiloghi drammatici.
I tic fonici o verbali sono rappresentati da suoni tra cui emissione di grugniti ,ripetizione di parole o frasi di altri ( ecolalia) , urla, frasi socialmente sconvenienti e parolacce ( coprolalia)
Alcuni tic sono preceduti da un impulso impulso premonitore, una sensazione nel gruppo muscolare interessato alla contrattura, che i pazienti non possono controllare, pena l’ aumenta dello stress e il peggioraramento dei tic.
In molte persone con TS sono presenti contemporaneamente problemi neurocomportamentali che spesso causano più danni rispetto ai tic stessi perché possono mantenersi, anche quando la Sindrome migliora, con l’avanzare dell’età. Sono condizioni spesso secondarie , peggiorative del quadro clinico del paziente ed è fondamentale identificarle correttamente e trattarle.
Le comorbilità più comuni includono:
il disturbo da deficit di attenzione/iperattività (ADHD), il disturbo ossessivo-compulsivo (DOC) ,depressione, ansia, disturbi del sonno, problemi comportamentali e di controllo degli impulsi, difficoltà di apprendimento, comportamenti socialmente inappropriati al mantenimento delle relazioni , aggressività, rabbia; problemi di elaborazione sensoriale [1]
Tutti I farmaci usati per tratttare i sintomi di questi disturbi , così come i neurolettici , utilizzati per trattare i sintomi della Tourette, possono avere effetti collaterali significativi, incluso un aumento dei tic.
Al contrario, si è visto dagli studi, che la cannabis non solo è efficace, ma non ha alcun effetto negativo su attenzione, memoria visiva e verbale a breve termine, intelligenza, apprendimento verbale, capacità di interazione e concentrazione.
Vari studi riportano nel complesso un miglioramento della qualità della vita, la riduzione degli impulsi di tic , cosa non possibile con gli attuali trattamenti farmacologici, miglioramento della stabilità psicologica con minore impatto sulla socialità in genere.[2 [3]Le combinazione di THC e CBD possono sperimentare una riduzione più significativa della frequenza e della gravità dei tic a causa dell’effetto entourage.Il CBD modera gli effetti psicoattivi del THC e migliora insonnia, ansia, aggressività e altri fattori scatenanti che stimolano i tic. in alcuni pazienti può anche aiutare a moderare i fattori che influenzano l’intensità dei tic .Si è visto anche che nei pazienti con TS contrariamente ai consumatori sani di cannabis, i trattamenti con THC hanno dimostrato un miglioramento sia della percezione visiva che della concentrazione [4]
Nella Sindrome sarebbero coinvolti i gangli della base , stutture cerebrali responsabile del movimento motorio volontario ricchi di recettori endocannabinoidi CB1 .Questo potrebbe aiutare a spiegare i benefici della cannabis nel ridurre i tic e nel tenere sotto controllo i problemi emotivi che accompagnano questa condizione.[5]
.[1] Treatment of Gilles de la Tourette Syndrome with Cannabis-Based Medicine: Results from a Retrospective Analysis and Online Survey
Leonie M Milosev 1, Nikolas Psathakis 1, Natalia Szejko 2 3, Ewgeni Jakubovski 1, Kirsten R Müller-Vahl 1
[2] Delta 9-Tetrahydrocannabinol (THC) is Effective in the Treatment of Tics in Tourette Syndrome: a 6-Week Randomized Trial
Kirsten R. Müller-Vahl, MD; Udo Schneider, MD; Heidrun Prevedel, Karen Theloe, Hans [3]
[3]Speechlessness in Gilles de la Tourette Syndrome: Cannabis-Based Medicines Improve Severe Vocal Blocking Tics in Two Patients https://doi.org/10.3390/ijms18081739
by Ewgeni Jakubovski * andKirsten Müller-Vahl
[4] J Neurol Neurosurg Psychiatry. 2001 Feb; 70(2): 192–197.
doi: 10.1136/jnnp.70.2.192PMCID: PMC1737213PMID: 11160467
Decreased sleep quality and increased sleep related movements in patients with Tourette’s syndrome
S Cohrs, T Rasch, S Altmeyer, J Kinkelbur, T Kostanecka, A Rothenberger, E Ruther, and G Hajak
[5] Cannabinoids: possible role in patho-physiology and therapy of Gilles de la Tourette syndrome